PROFAR
prodotti mamme farmacie carta pro baby diario contatti chi siamo
  1. HOME
  2. ARTICOLI
  3. MAMMA

Gli spunti Montessori per apprendere giocando

Il metodo Montessori è stato quanto di più rivoluzionario si sia verificato nella storia sul fronte pedagogico-educativo. L'approccio montessoriano, usato ancora oggi in molte scuole e prediletto da numerosi insegnanti, è centrato sul bambino. O, meglio, è  concepito a misura di bambino. Se i piccoli non hanno l'opportunità di sperimentare questo tipo di metodo educativo a scuola, a casa i genitori possono fare molto.

Proprio perché la rivoluzionaria Montessori ha sancito l'inizio del gioco come mezzo per apprendere nozioni fondamentali. Creare giochi montessoriani a casa non è complicato, anzi. Si tratta peraltro di intrattenimenti e "balocchi" diversi dal solito e in grado di coinvolgere l'attenzione dei bambini in modo incredibile e forse, per chi ancora non l'ha sperimentato, impensabile.

Premettiamo che l'approccio montessoriano non prevede giochi da femmina o giochi da maschio: le differenze di genere non hanno alcuna rilevanza, mostrandosi quindi ancora una volta come un metodo educativo d'avanguardia e intelligente.

I colori

L'apprendimento dei colori, e soprattutto di tutte le differenti sfumature, può avvenire attraverso il gioco delle tavolette. Ci si procurano 63 tavolette di legno (si trovano in vendita anche sul web o si possono fare manualmente) o, in alternativa, altrettanti supporti di cartone su cui incollare quadratini di carta di 7 sfumature differenti di 9 colore diversi. Questi quadratini colorati si scaricano da Internet e si stampano oppure si riproducono a casa insieme ai bambini usando semplici fogli di carta.

La cucina

Uno dei giochi montessoriani più amati, e più conosciuti, è la cucina. Una mini-cucina, preferibilmente in legno e materiali naturali, con ripiani, pentole e attrezzi assolutamente a misura di bambino. Una cucina in cui ogni cosa sia facilmente raggiungibile anche dai più piccoli, così come prevede l'approccio Montessori per la quotidianità (bagni a misura di bambino, mini-sgabelli, lettini bassi...).  Il metodo Montessori prevede anche che il cibo venga manipolato e lavorato sin da piccoli: basterà fornire ai bambini ciotoline contenenti farina, acqua, semi...a seconda dell'età.

Il cestino dei tesori

Eccoci davanti a una altro gioco montessoriano, semplicissimo da realizzare e a costo quasi zero, che fa impazzire di felicità i piccoli stimolando al meglio i sensi e le competenze neurolinguistiche. Tanto che il cestino dei tesori viene usato in quasi tutti gli asili nido e scuole materne, indipendentemente dall'impostazione delle educatrici in questione. Anche a casa si può, anzi si dovrebbe, riprodurre il cestino dei tesori per i bambini da 1 ai 4 anni di età circa.
Basterà una cesta da riempire con tantissimi oggetti diversi, tra loro da esplorare attraverso il tatto e da nominare ampliando le competenze linguistiche del piccolo: pigne, palle, tessuti, metallo...

Le bottiglie sonore

Un gioco rumoroso e divertente. Si prendono alcune bottigliette di plastica vuote e si riempiono con acqua colorata, sassolini, semi. Poi si chiude tassativamente la bottiglia incollando il tappo con colla liquida, in modo che sia impossibile per il bambino aprirla. Il rumore sprigionato catalizzerà l'attenzione del bambino, stimolandone i sensi a 360°.

MAMMA DI NOEMI

La mia bimba ha perso il primo dentino e sa che stasera lo metteremo sotto il cuscino così la fatina le farà trovare una monetina. Voi cosa avete promesso ai vostri bimbi??

MAMMA DI LORENZO

Quanti di voi hanno usato il triciclo già a partire dai 6 mesi? Ne vale davvero la spesa o è ancora troppo presto?

ALTRE MAMME TI ASPETTANO

Altri Consigli simili

PROFAR È IN FARMACIA!


OPPURE